Tempo fa ho scritto un post dove sconsigliavo decisamente di usare i messaggi diretti su Instagram, e rimango ancora dell’idea che sia uno dei modi peggiori per promuovere la propria attività, a meno che non si stia proponendo un reale vantaggio (per esempio, un contenuto gratuito o codice sconto).

Ora, a distanza di poco tempo, ho deciso di ricorrere anche io ai messaggi diretti automatici. Ho cambiato idea? Quello che dicevo era sbagliato? Direi di no.
Qualunque strategia di comunicazione decidiamo di mettere in atto, dobbiamo ricordarci che i social sono solo un mezzo. Come tutti i mezzi, possono essere adattissimi per una persona e nel contempo controproducenti per un’altra. E la loro utilità può cambiare da un momento all’altro a seconda di moltissimi fattori. Oltre a questo, i social non sono un canale-proprietario: se domani Instagram chiudesse baracca (improbabile) o decidesse di farci pagare per far visualizzare i nostri post a più del 5% dei follower (ben più probabile), tutto il lavoro che abbiamo fatto nel tempo potrebbe diventare inutile.

Questo non vuol dire che promuovere la propria attività sui social sia inutile, anzi: se prevedi un budget di sponsorizzazione e uno specialista di advertising sei in una botte di ferro. Inoltre, se una cosa al momento funziona, si può continuare a farla finché le cose rimangono tali e poi smettere: è una scelta del singolo business e bisogna fare dei ragionamenti caso per caso. Da parte mia, almeno per ora, ho smesso di considerare Instagram un mezzo promozionale, quindi ho scelto di impiegare tempo e energie su altri canali: essere influencer è un vero e proprio lavoro, che merita tutto il rispetto possibile (poi ovviamente c’è chi è professionale e chi no e vale per ogni lavoro), ma non è quello che voglio fare ora. Per questo quel numeretto beffardo che mi dice che ho meno di 10k di seguaci mi urta solo perché non mi permette di condividere i link nelle story: sono più interessata a costruire un dialogo personale con chi mi segue, che sia tramite i messaggi diretti, tramite commenti o anche solo tramite like. In quest’ottica, seguire molte persone diventa un limite, e fin qui i DM non c’entrano. Il problema sono i bot.

messaggi diretti

I bot sono quell’insieme di operazioni automatiche che Instagram tollera (secondo me ancora per poco) e che però diventano molto antipatiche quando ne sei vittima. Se ti interessa un’opinione personale fammelo sapere nei commenti (o con un DM!), ma per ora prendo in esame solo una parte del problema: su Instagram cominciano a seguirmi una ventina di persone al giorno, e di queste 18 smettono di seguirmi dopo pochi giorni. Ecco uno dei lavori che fanno i famosi bot. A questo punto, avevo cominciato ad andare su ogni singolo profilo per vedere se era autentico o se mi aveva seguito in modo automatico, per evitare di seguire persone che manco sapevano chi ero: do consulenze alle aziende in questo ambito, quindi mi riesce abbastanza facile. Il problema è che farlo 18 volte al giorno senza essere pagata diventava deleterio, perché toglieva tempo prezioso ad altre attività: non valeva la pena farlo solo per decidere se ricambiare il follow.

Così ho deciso di creare un messaggio automatico, per chiedere alle persone come mai mi avevano seguito e cominciare a chiacchierare. Il messaggio dovrebbe essere abbastanza simpatico, per cui penso che in pochi mi abbiano segnalato per spam. Ho ricevuto alcune risposte poco gentili (che pubblico nelle story, ma che penso che riporterò in un post a parte) e la maggior parte dei nuovi follower non mi risponde proprio (presumibilmente bot, o comunque persone poco interessate a parlare con me, visto che per loro non valevo nemmeno mezza riga), ma ho ottenuto due vantaggi non da poco:

  • Non perdo più tempo prezioso a controllare i profili dei follower
  • Ho chiacchierato in pochi giorni con tante persone con cui prima avrei impiegato mesi per creare un’interazione

Certo, ci vuole costanza per rispondere, ma i social nei loro tempi d’oro erano proprio questo: sono un po’ nostalgica, e mi piacerebbe ripartire da qui!

Tu cosa ne pensi? Vuoi cominciare ad usare i messaggi diretti? Se sì, perché? In questo post ho parlato di alcuni articoli che vorrei scrivere in futuro: se non vuoi perderteli  puoi iscriverti alla newsletter che ti avviserà ogni volta che esce un nuovo post!

Sull'autore
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.